COMPAGNIA SOLELUNA GRUPPO DI PIZZICA TARANTA MUSICA POPOLARE TARANTELLE E TAMMURRIATE

Compagnia Soleluna, ti da il benvenuto nel loro sito ufficiale. Qui troverai la risposta ideale per i tuoi eventi musicali che siano una manifestazione di piazza, concerto, una sagra o un evento privato. La Compagnia Soleuna, gruppo di musica popolare, propone per il tuo evento un viaggio musicale attraverso le antiche tradizioni del meridione d'Italia con balli e ritmi coinvolgenti. E se desideri una posteggia napoletana con voce, chitarra e mandolino oppure voce, chitarra e fisarmonica non hai che da chiedere.

Su questo sito troverete anche notizie sulla musica tradizionale, serate, eventi, sagre, appuntamenti, calendario concerti in Campania, Lazio, Basilicata, Puglia, Abruzzo, Molise e Lombardia, dal nord a sud.

PIZZICA, GRUPPO DI PIZZICA,

MUSICA POPOLARE

MUSICA POPOLARE, PIZZICA, TARANTELLA, TARANTA,

COMPAGNIA SOLELUNA E LA MUSICA POPOLARE

La Musica Popolare è la voce del Popolo e le sue origini si perdono nella notte dei tempi. La sua tradizione, la forza delle sue parole spesso ironiche e irriverenti, la sua gestualità così teatrale è stata tramandata come una filastrocca per esorcizzare il malessere, le ingiustizie o più semplicemente per cantare l’amore.

La Musica Popolare nasce nei campi di lavoro bagnati dal sudore dei contadini che intonavano canti per rendere la vita meno grama, per dettare i ritmi dei raccolti, per alleggerire il peso della fatica, per invocare la benedizione dal Cielo. Il tutto tra sacro e profano.

La Compagnia Soleluna, vuole rendere omaggio alla storia e a tutte quelle melodie così antiche che ancora vivono. E lo fanno con devozione e rispetto preservandone la sua essenza più genuina. La Compagnia Soleluna porta nel mondo e nel presente i suoni, i ritmi, le danze, il fuoco e la passione della tradizione musicale dell'Italia meridionale. Tammurriate, Pizziche e Tarantelle si vestono di nuovi colori attraverso i brani inediti della Compagnia, testimoniando il fuoco inestinguibile che scorre nelle vene di tutti i "popoli del sud" su tutto il pianeta, al di la del tempo e dello spazio. Nel 2016 vengono scelti personalmente dai celebri stilisti Dolce e Gabbana per la loro cinque giorni di eventi nella città di Napoli, in seguito volano a Doha, in Qatar, scelti dall'Ambasciata Italiana e dalla Camera di Commercio Italiana, per una serie di eventi legati all'Italia presso lo splendido "Katara Cultural Village", ed a Maggio 2017 è la volta del Giappone con tre concerti al "Napoli Festival" di Kagoshima, città gemellata con Napoli, in collaborazione con "L'Istituto Italiano di Cultura" di Osaka. Anche il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha pubblicato su Facebook le foto dell’evento di chiusura di Dolce&Gabbana con i relativi ringraziamenti. A San Gregorio Armeno sfila l'oro di Napoli per l'evento Dolce&Gabbana. Gli abiti, pezzi unici ispirati a Sofia Loren, rendono omaggio alla diva e alla città con citazioni di San Gennaro, Maradona, panni stesi e Madonne. "Katara Cultural Village", and in May 2017 it's time for Japan with three concerts at the "Napoli Festival" in Kagoshima, Napoli's twin city, in collaboration with "The Italian Cultural Institute" in Osaka.

Compagnia Soleluna: an unrestrainable heart!

PIZZICA SALENTINA

PIZZICA, PIZZICA DEL SALENTO, PIZZICA BALLO,

COMPAGNIA SOLELUNA E LA TRADIZIONE MUSICALE 

La Posteggia Napoletana Cos’è la posteggia napoletana? E’ un complesso musicale ambulante o anche il luogo dove si  ferma a suonare un complesso musicale.

La Pizzica Danza tradizionale del Salento, vivace e fortemente ritmata, che trae origine dai riti popolari con cui veniva curato il tarantismo.

La Tammuriata Ballo cantato tipico della Campania, suonato con una sorta di tamburo (la tammorra) che guida gli altri strumenti e le castagnette che scandiscono il tempo, il putipù, 'o triccaballacc' e 'o scetavajasse.

La Taranta Il tarantismo o tarantolismo è considerato un fenomeno isterico convulsivo. In base a credenze ampiamente diffuse in antichità nell'area mediterranea.

La Tarantella Danza popolare cantata, tipica dell'Italia meridionale, in movimento vivacissimo in 6/8, accompagnata dalla scansione ritmica del tamburello a sonagli suonato dallo stesso danzatore.

La Musica Tradizionale. Un gruppo di "musica popolare" di solito viene identificato in un gruppo che esegue musiche tradizionali del sud Italia. Con il termine musica tradizionale si intende generalmente la musica popolare o folklorica (scritto anche folclorica), per la quale in inglese si usa la parola Folk. Compagnia Soleluna, ringrazia Domenico Dolce e Stefano Gabbana per averla scelta come portavocedella musica popolare e per aver eletto Lina Del Gaudio come madrina acquisita del loro fantastico evento concedendole l'immenso onore di inaugurare le 4 giornate Dolce&Gabbana a Napoli. Grazie a voi la nostra musica ha conosciuto platee completamente estranee alla Musica Popolare, riscuotendo comunque un grande successo! Le modelle camminano direttamente sui basoli e tra le bancarelle dei pastori, davanti agli occhi di Sofia che siede su un trono accanto al figlio e canticchia le canzoni della tradizione partenopea. Lei applaude mentre rivede tra i vicoli gli echi degli abiti che ha indossato nei film, reinterpretati dal talento Dolce&Gabbana. Capi esclusivi che le ospiti non vedono l'ora di comprare. In 2016 they are chosen personally by famous stylists Dolce and Gabbana for their five days of events in the city of Napoli, later in the year they fly in Doha, Qatar, chosen by the Italian Embassy and the Italian Chamber Of Commerce, for a series of Italy related events, taking place at the splendid

PIZZICA DEL SALENTO

COMPAGNIA SOLELUNA, PIZZICA, TARANTA, TAMMURRIATE, TARANTELLE, FOLK,

Pizzica della Luna è una pizzica salentina dal sapore molto "partenopeo". Presente nella compilation Pizzica la Taranta - Il folklore del Salento (Edizione 2015) edito da Mondadori e in vendita in allegato alle riviste TV - Sorrisi e Canzoni, Chi e Tu Style. Pizzica de Sanacore è la rivisitazione dell'antica tammurriata Sanacore. Ospite d'eccezione il celeberrimo cantore Marcello Colasurdo e la sua voce a "fronne 'e limone". Il brano Pizzica de Sanacore è presente nella compilation Pizzica la Taranta - Il folklore del Salento (Edizione 2016) edito da Mondadori e in vendita in allegato alle riviste TV - Sorrisi e Canzoni e Chi. musica salentina, musica salentina, gruppo musica popolare salentina, musica salentina, taranta, pizzica, musica popolare, tammorra, tammurriata, tammorra napoletana, musica popolare tradizionale, tradizione popolare, musica napoli, gruppo di tammorra, gruppo di tammurriata, gruppo di ballo, ballo popolare, ballo tradizionale, ballo pizzica. musica salentina gruppo musica popolare salentina musica salentina taranta pizzica musica popolare tammorra tammurriata tammorra napoletana musica popolare tradizionale tradizione popolare musica napoli gruppo di tammorra gruppo di tammurriata gruppo di ballo popolare ballo tradizionale ballo pizzica. Tutto il mondo ha parlato di Napoli, tantissimi vip sono arrivati in città per l’occasione, la madrina dell’evento, Sofia Loren, è stata nel capoluogo campano i questi giorno e le è stato conferito anche il titolo di cittadina onoraria. 

In questo video, pubblicato sulla pagina ufficiale di Dolce&Gabbana, vengono riprese le scene dei momenti più belli della festa tenutasi a Borgo Marinari. Immagini bellissime e musica emotiva in sottofondo rendono la clip meravigliosa. Questa manifestazione è stata così importante per Napoli che, polemiche a parte, ha avuto un’importantissima occasione per mostrare la sua immagine bella e vivace, una città che, anche se non è capitale della moda, ha dimostrato di essere all’altezza di Milano e Parigi. Compagnia Soleluna brings around the world and in the present times, the sounds, rhythms, dances, fire and passion of the Southern Italy musical tradition. Tammurriate, Pizziche and Tarantelle get dressed in new colors through the new Soleluna songs, testifying the inextinguishable fire that flows in the veins of all the "Southern people" all over the planet, beyond time and space.



Musica Popolare, Compagnia SoleLuna Gruppo Di Pizzica e MUSICA POPOLARE

La pizzica (detta nella sua forma più tradizionale di danza di aggregazione comunitaria pizzica pizzica, nella sua derivazione a fenomeno commerciale taranta) è una danza popolare attribuita particolarmente a Taranto e a tutto il Salento, ma fino a tutt'oggi diffusa anche in un'altra subregione della Puglia, la Bassa Murgia e Matera (appartenuta anch'essa alla Terra d'Otranto). Fino ai primi decenni del XX secolo presente in tutto il territorio pugliese, assumeva nomi differenti rispetto ai vari dialetti della regione confondendola spesso con le tarantelle.

Fa parte della grande famiglia delle danze di tradizione denominate tarantelle, come si usa chiamare quel variegato gruppo di danze diffuse dall'Età moderna nell'Italia meridionale.


COMPAGNIA SOLELUNAGruppo di Musica Popolare, Pizzica, Taranta, Tammurriata, Tarantella, Folk Music, Napoli

LA PIZZICA PIZZICA

Oggi erroneamente definita taranta, o confusamente accostata ad essa, è una delle musiche tradizionali del Salento accanto ai canti alla stisa, a para uce, agli stornelli e ai canti basati su vari ritmi binari. Era la tipica musica di divertimento (non solo di corteggiamento, anzi, il corteggiamento era marginale) che animava le feste patronali o stagionali, le feste private, eventi particolari della vita come matrimoni, battesimi, ecc. La sua peculiarità sta nel ritmo più ossessivo, in quanto le terzine vengono tutte accentuate. Nel repertorio tradizionale salentino con il ritmo della pizzica-pizzica si eseguivano canti d'amore, di lavoro, di protesta, di invettiva o dileggio, stornelli e rime varie, che potevano inventarsi anche sul momento. Tutto dipendeva dall'estro e dalla capacità d'improvvisazione degli esecutori.

Oggi è la parte più corposa delle musiche popolari salentine (alcuni gruppi hanno nel proprio repertorio solo le pizziche...), ma fino a pochi decenni fa aveva invece un ruolo marginale nel tessuto sociale salentino. Prevalenti, infatti, erano i canti senza l'ausilio di strumenti musicali (alla stisa, a para uce).


LA RONDA, IL CERCHIO DI SUONATORI, BALLERINI E SPETTATORI

La ronda è un cerchio formato da suonatori, curiosi o ballerini in attesa del proprio turno, entro cui si svolge il ballo della pizzica-pizzica o della pizzica-scherma.

Oggi è molto facile assistere ad una ronda di suonatori, soprattutto nelle feste pubbliche, ma in contesti privati non sempre accade (o accadeva) che si formi una ronda. Tutto dipende dal numero dei partecipanti e dal tipo di evento.

Dal punto di vista prettamente funzionale la ronda assume un'importanza strategica. Il cerchio è utile per guardarsi a vicenda e individuare subito delle aritmie, per delimitare l'area di ballo nonché per cercare di dare un ordine ai suonatori e ai ballerini, altrimenti il percorso musicale diventerebbe confuso.

 

Dal punto di vista simbolico, il cerchio rappresenta la perfezione, la compiutezza, l’unione, nonché l'armonia che è un punto focale nella cultura popolare e nel suo simbolismo.

Difatti il cerchio è intimamente legato al simbolismo musicale: così come la pizzica è una sequenza immutabile di terzine, un ritmo ossessivo e costante, il cerchio è altrettanto immutabile, senza fine.


PIZZICA, GRUPPO DI PIZZICA DEL SALENTO MUSICA SALENTINA, FESTE IN PIAZZE CONCERTI E FESTE PRIVATE

La Pizzica nel Salento

La pizzica ha origini molto antiche che risalgono sembra addirittura a culti dionisiaci molto comuni nell’area del Salento, provenienti dalla Grecia, e fatti propri dalle popolazioni locali.

Il culto in onore del dio Dioniso era particolarmente sentito: durante i  festeggiamenti le popolazioni si lasciavano andare pubblicamente a comportamenti sfrenati, aiutati dal vino. Dioniso a Roma era identificato appunto con Bacco.

Tutto ciò va inserito nel contesto che il Salento era una terra costantemente sotto l’influenza della Grecia e che, ancora oggi, ospita una comunità di minoranza linguistica detta Grecìa salentina.


GRUPPI DI PIZZICA CONTATTI CONCERTI PIAZZE MATRIMONI FESTE PRIVATE

La pizzica pizzica è un ballo vivace di coppia, diffuso sino all’ultima guerra  e compare come termine nelle fonti solo alla fine del secolo XVIII. Oggi vive per lo più nella memoria degli anziani del Salento, e prevede nelle danze caratteristiche movimenti molto legati al senso di circolarità anche risaltati dalla ronda stessa. Se si pensa alla pizzica ballata nelle sagre e nelle feste di paese, la ronda coi suoi musicisti e i suoi tamburellisti caratterizza l’intera piazza, accentrando tutta l’attenzione: non è solo un contorno, ma è il luogo eletto per il ballo, è lo spazio per eccellenza.    Ecco perché nelle varie manifestazioni in piazza, ma anche in quelle eseguite nel corso di feste private quali battesimi e matrimoni, la ronda c’è sempre e contribuisce alla riscoperta del folklore e della cultura tradizionale salentina.


MUSICA POPOLARE, PIZZICA, TARANTA, TAMMURRIATE, TARANTELLE, MUSICA FOLK,

La pizzica salentina è una danza popolare attribuita in particolare a Taranto e a tutto il Salento, nata intorno alla fine del 1400. Molti sono i racconti legati alla sua origine: la prima ipotesi vuole che la pizzica sia legata al culto del dio Dioniso, identificato come Bacco. Pare, infatti, che le popolazioni, durante i festeggiamenti, si lasciassero andare a comportamenti sfrenati; mentre altri sostengono che il nome “taranta” derivi proprio dal morso della tarantola, che gettava la persona in uno stato di choc dal quale riusciva a risvegliarla solo la musica.

 

La persona danzava e musicisti specializzati suonavano per lei fino a quando non riusciva a annullare l’effetto del veleno. In seguito, con l’avvento del cristianesimo, la figura terapeutica di San Paolo si affianca a quella della guarigione tramite il ballo, la guarigione dal morso della tarantola aveva il suo scenario rituale nelle quattro mura di casa.


PAROLE CORRELATE LINK DI PIZZICA TARANTA TAMMURRIATE TARANTELLE MUSICA POPOLARE FOLK

Ad ogni modo la pizzica salentina è una vera e propria tarantella che si divide in varie categorie: la prima è la pizzica tarantata, tra tutte la danza più conosciuta. Si tratta di un ballo tipicamente femminile, con la quale si evoca il mito, vissuto drammaticamente, del morso della tarantola che rende “furiose” le donne fino a farle danzare freneticamente per liberarsi dal male interiore. Nella vita dei campi era facile che si venisse punti da ragni velenosi, e talvolta tali punture provocavano un malessere che si esprimeva in svenimenti e stato di trance. Il ballo avrebbe avuto la funzione di esorcizzare, attraverso la danza sfrenata, tale stato di malessere e far guarire la persona colpita.

Ancora oggi sono diffuse simpatiche espressioni quali "Ti ha morso la tarantola?" rivolte soprattutto a persone particolarmente irrequiete. Per spiegare la storia, certe volte, bisogna attingere a miti preesistenti delle società del passato. Può, infatti, il morso di un aracnide, la Lycosa tarentula, provocare dolori addominali, sudorazioni, palpitazioni ma guarire miracolosamente grazie a due tamburelli, ad un ballo che viene inscenato senza freni inibitori? Esiste un luogo dell’Italia meridionale dove ciò sembrerebbe possibile, in cui le tradizioni popolari scandiscono il tempo in un crescendo di emozioni: il Salento. “Terra del cattivo passato che torna e opprime col suo rigurgito”.